Skip to content

This cache has been archived.

SpanaTeam: A cache a xe scomparsa, visto che non ghe va nesun mejo cavarla

La cache è sparita, vista la scarsa affluenza è il caso di archiviarla

The cache disappeared, it's time to archive it

More
<

(SpanaT) Cason de Piavon

A cache by SpanaTeam Send Message to Owner Message this owner
Hidden : 04/25/2013
Difficulty:
2 out of 5
Terrain:
1.5 out of 5

Size: Size:   micro (micro)

Join now to view geocache location details. It's free!

Watch

How Geocaching Works

Related Web Page

Please note Use of geocaching.com services is subject to the terms and conditions in our disclaimer.

Geocache Description:

Sta scatoeta a xe scondesta vizin al cason de Piavon, e pa catarla prima mejo darghe na ociada parchè xe na roba contadina de na volta

La cache si trova nei pressi del cason a Piavon, una ricostruzione delle case contadine del '700 della pianura trevigiana

The cache is located near the cason in Piavon, a reconstruction of peasant homes of '700 in Treviso plain

A Piavon, in via Frassenè ghe xe un dei pochi casoni in tut el Trevisan, na abitasion contadina poareta, tanto ma tanto vecia (de 3-400 ani).
No se sa chi che là tacà a viverghe dentro, ma saven a so storia dal 1934 quando a fameja de Giovani Bertoa co so mojer Maria e i 3 fioi ghà tacà a viverghe dentro. In tel 1940 le ndat dentro Tati co so mojer Giustina Furlan e so fia Adriana. Il marìo lavorea come contadin in tei campi dea baronesa Lilli Rechsteiner. Nel 1962 ghe xera Giuseppe Pasqualinotto co so femena Vittoria Lorenzon. Co le mort in tel 1966 sto Casòn le restà vodo. In tel 1982, co na permuta dell'axienda Rechsteiner, el comun lè deventà el paron del casòn.
In tea storia che se lexe in tei libri no se vien a saver niente de ste robe. Ma se te la studi un fia mejo, imparando a conoser el teritorio eora i scominzia a vegner fora i coegamenti tra e varie abitaxion e le diverse epoche storiche: i castei, i muri, e le case, sia quee dei siori che quee dei poreti. El Gruppo Amici del Casòn di Piavon gha aderio ala proposta dell'Aministrasion Comunae de Oderso de colaborar par ritirar su e meter puio par dentro el Museo col material de na volta dei casoni, regaea da quei che vive a Piavon e in tuta a sinistra Piave.

A scatoeta che zerchè a xe cea, e dentro che xe solche un fojeto, porteve drio na pena, e visto che a xe na opera contadina, sarie bel che segne sta scatoeta in diaeto. E des nde a catarla 


A Piavon di Oderzo in via Frassenè esiste uno dei rari casoni della provincia di Treviso, un'abitazione rurale povera,  con molti secoli di storia alle spalle ( 300 o forse 400 anni ). 
Chi iniziò ad abitare il Casòn non è possibile saperlo. Conosciamo la vita del Casòn dal 1934 quando vi soggiornò la famiglia di Giovanni Bertola con la moglie Maria e i loro tre figli. Nel 1940 vi andò ad abitare il signor Angelo Pasqualinotto detto Tati con la moglie Giustina Furlan e la figlia Adriana. Il marito lavorava come bracciante agricolo presso l'azienda agraria della baronessa Lilli Rechsteiner. Dal 1962 vi  dimorò il signor Giuseppe Pasqualinotto con la moglie Vittoria Lorenzon. Nel 1966 muore Giuseppe e così il Casòn rimase  definitivamente disabitato. Nel 1982, mediante una permuta con l'azienda agricola Rechsteiner, il  Comune di Oderzo diventa proprietario del casòn. 
La Storia, quella dei grandi eventi, che si studia sui libri, rimane spesso una conoscenza meramente scolastica. Solo approfondendo la conoscenza dell'ambiente intorno a noi scopriamo i collegamenti fra la Storia, con la S maiuscola, e le vicende del territorio in cui abitiamo; e sono soprattutto gli edifici delle diverse epoche storiche che ci possono aiutare a cogliere tali collegamenti: i castelli, le città murate, le case.Il Gruppo Amici del Casòn di Piavon ha aderito alla proposta dell'Amministrazione Comunale di Oderzo di collaborare per la sua ristrutturazione e per l'allestimento al suo interno del Museo etnografico con il "materiale storico dei casoni" donato dai cittadini di Piavon e della zona della Sinistra Piave. (fonte: www.casonpiavon.it)

La cache è di dimensioni micro-nano e all'interno c'è solo il logbook, portatevi una penna. Visto che questa è un'opera contadina sarebbe bello che il log fosse in dialetto. Buona caccia

 

A Piavon, small village out of Oderzo, in via Frassenè there is one of the few lodges in the province of Treviso, a rural poor, with many centuries of history behind it (maybe 300 or 400 years).
Who began to inhabit the Casòn it is not possible to know. We know the life of Casòn stayed there since 1934 when the family of John Bertola with his wife Mary and their three children. In 1940 I went to live Pasqualinotto Mr. Angelo said Tati with his wife and daughter Adriana Furlan Giustina. The husband worked as a farm laborer at the farm of Baroness Lilli Rechsteiner. Since 1962, Mr. Joseph Pasqualinotto lived there with his wife Victoria Lorenzon. Joseph died in 1966 and so the Casòn remained permanently uninhabited. In 1982, through an exchange with the farm Rechsteiner, the City of Oderzo becomes the owner of Cason.
History, one of the great events, which is studied in books, often remains a purely scholastic knowledge. Only by deepening knowledge of the environment around us to discover the links between history, with a capital S, and the history of the area in which we live, and are especially buildings of different eras that can help us to grasp these connections: the castles, walled cities, the Group of Friends of case.Il Casòn of Piavon accepted the proposal of the City of Oderzo to work for its renovation and for organizing the inside of the Ethnographic Museum with the "historical material of the lodges "donated by the citizens of Piavon and the area of the Left Piave. (source: www.casonpiavon.it)
 
The cache size is micro-nano and inside there is only the logbook, bring a pen. Happy caching

Additional Hints (No hints available.)



Reviewer notes

Use this space to describe your geocache location, container, and how it's hidden to your reviewer. If you've made changes, tell the reviewer what changes you made. The more they know, the easier it is for them to publish your geocache. This note will not be visible to the public when your geocache is published.