Skip to content

<

Rialto Bridge

A cache by Mort Send Message to Owner Message this owner
Hidden : 03/02/2018
Difficulty:
1.5 out of 5
Terrain:
1.5 out of 5

Size: Size:   other (other)

Join now to view geocache location details. It's free!

Watch

How Geocaching Works

Please note Use of geocaching.com services is subject to the terms and conditions in our disclaimer.

Geocache Description:


Ponte Rialto


ENGLISH



History

Rialto Bridge


The Rialto Bridge was the first permanent bridge constructed to pass over the Grand Canal in Venice, Italy. The name comes from "RIvo Alto", meaning the "high channel" but has gradually become condensed to Rialto. The bridge connects San Marco to San Polo. When migrants first reached this area, they saw it as an ideal area to cross the water, that became the Grand Canal, because the gap to the other side was narrower and there was firm enough ground to hold a structure. But before the bridge was professionally constructed of wood in 1275, to make market more accessible, led to the construction of a bridge of boats in 1180, called "Quartarolo" from the name of the coin that was for the pedestrians to cross, as well as the affected Jacopo de Barbari in the popular perspective map dated 1500. Built on pali in 1264, was destroyed in 1310 by conspirators Bajamonte Tiepolo retired after the failed attempt to seize the throne as Duke's last attempt to escape capture and punishment.

Next, a wooden bridge rise above the canal, but it collapsed a total of three times before the city decided to design the bridge in an alternative way in 1524. Antonio da Ponte was the architect of the marble bridge that stands today. This job was incredibly important because the Rialto Bridge was the only way to cross the Grand Canal on foot for 263 years, until the construction of the Accademia Bridge. He was chosen to supervise the project when he won a competition based off his design. Michelangelo also entered a design, but passed away before the city proceeded with construction. The building of the bridge was postponed due to plagues that swept across Italy.Da Ponte's design was declared as the planned layout in 1588 and included a single arch to hold up the bridge. A single arch bridge is more difficult to build, but it is easier for boats to pass under.

Antonio da Ponte began work in 1588, but faced difficulties due to the depth of the water and instabilities ("The Rialto Bridge "). The Rialto Bridge took three years to construct, 1588-1591, and was created by Antonio da Ponte. Before construction of the bridge itself could begin, hundred of logs were hammered into the ground to create a stable surface to hold the bridge. The Rialto Bridge is made out of "Pietra d'Istra". This is a white limestone that will not wear down from weather or erosion and does well resisting salt water, all of which are essential due to the location of the bridge (Pietra d'Istria). The surface of the rock is smooth and reflects light to naturally make the bridge a focal point on the Grand Canal. Carved into the stone are images that symbolize the history of Venice. On the North side is an image of Saint Theodore, which happens to face toward Saint Mark. On the other side is the Angel Gabriel and the annunciation.

Ponte Rialto


Earth Lesson

Sedimentary Rocks

The Ponte di Rialto, was built primarily using Pietra d'Istria(Tolley). This is a white limestone - Limestones are chemical sedimentary rocks.

Sedimentary Rocks


Sedimentary rocks are the most common rock types which are freely exposed on the earth’s surface. They are formed from other rock materials since they are made up from the buildup of weathered and eroded pre-existing rocks. The weathering, erosion and the eventual compaction of igneous, metamorphic or formerly structured sedimentary rocks among other biological sedimentations leads to the formation of sedimentary rocks. So, sedimentary rocks are produced from previous rocks that are relentlessly weathered or eroded and then deposited where they undergo compaction and cementation through a process known as lithification- changing of sediments into a rock. This is how the name sedimentary rock was coined.

Sedimentary rocks are types of rock that are formed by the deposition and subsequent cementation of that material at the Earth’s surface and within bodies of water. Sedimentation is the collective name for processes that cause mineral and/or organic particles (detritus) to settle in place. The particles that form a sedimentary rock by accumulating are called sediment. Before being deposited, the sediment was formed by weathering and erosion from the source area, and then transported to the place of deposition by water, wind, ice, mass movement or glaciers, which are called agents of denudation.

Formation of Sedimentary Rocks


All rocks, be it igneous, metamorphic, or the already existing sedimentary rocks are constantly subjected to weathering and erosion. Tiny debris from the rock masses and mountains are eroded together with soils, sand, and other granite pieces are normally washed from highlands to low areas. After many years, these materials finally settle down through the process of sedimentation. Some may accumulate under water and others on the lower areas of the land. The weathering and erosion is normally due to the forces of water, thermal expansion, gravity, wind, and salt crystal expansion that breaks down the pre-existing rocks into small pieces and then carried away to some distance low areas. As the materials move, they are smoothened and rounded by abrasion, and they settle down by leaving pore spaces between the grains which make them achieve their distorted shape. At this point, they are deposited a layer after layer to form a new sheet of homogenous material. From here, the compaction and cementing agents such as oxides, carbonates, and silica combine together with the deposited material. The compaction effect due to the weight of the piling layers of materials reduces the porosity of the rocks formed and intensifies the cohesion between the grains. At times, fossil fuels and organic matter may settle within the sediments leading to cementation. Cementation is the gluing of the rock pieces together either by salt compounds or organic matter. When these materials eventually harden, the mixture is transformed into a rock. Thus, sedimentary rocks are formed from sediment deposits through the process of weathering, erosion, deposition and finally compaction and cementation. Examples of sedimentary rocks include mudstone, limestone, sandstone, and conglomerate.

Types of Sedimentary Rocks


Sedimentary rocks are of three basic types. These include clastic, chemical, and organic sedimentary rocks.
  1. Clastic Sedimentary Rocks
    Clastic sedimentary rocks are formed from the buildup of clatics: small pieces of fragmented rocks deposited as a result of mechanical weathering then lithified by compaction and cementation. Examples of Clastic sedimentary rocks include sandstone, shale, siltstone, and breccias.
  2. Chemical Sedimentary Rocks
    Chemical sedimentary rocks are formed when the water components evaporate, leaving dissolved minerals behind. Sedimentary rocks of these kinds are very common in arid lands such as the deposits of salts and gypsum. Examples include rock salt, dolomites, flint, iron ore, chert, and some limestone.
  3. Organic Sedimentary Rocks
    Organic sedimentary rocks are formed from the accumulation of any animal or plant debris such as shells and bones. These plant and animal debris have calcium minerals in them that pile on the sea floor over time to form organic sedimentary rocks. Examples include rocks such as coal, some limestone, and some dolomites.


Limestone


Limestone is categorized as sedimentary rock. Sedimentary rocks are one of three large groups of rocks, the other two are igneous and metamorphic. Sedimentary rocks are formed when different materials are deposited by different geological processes and accumulated either at the surface of Earth or within water. Accumulated material that forms sedimentary rocks is called sediment. Limestone is sedimentary rock that is mainly (more than 50%) built from calcium carbonate (CaCO3), particularly from its two crystal forms - calcite and aragonite. Majority of limestone form in shallow, calm and warm marine waters. Limestone represents 10% of all sedimentary rocks. There are different types of limestone and they can be formed by various processes. In general, if limestone is formed from calcium carbonate that came from various marine organisms (e.g. corals, forams, molluscs) then it is called biological limestone. Its biological origins could often be detected by the presence of fossils. Limestone can also be formed by direct precipitation of minerals from water and such limestone is called chemical limestone.



Micrite


Many limestones are so fine-grained that you cannot see any individual grains. If you are lucky, you may find fossils or fossil debris. Most marine micrites started as soft carbonate mud on the sea floor. Carbonate mud is much like regular mud, except that it is (at least in the Bahamas) almost white in color. In the Bahamas you can play in the mud and come out clean! The mud particles are generally thought to have originated with coralline algae. Coralline algae are little green crunchy plant-like organisms that using microscopic grains of calcium carbonate to give their tissues some support. When these plants die, the tissues rot and the tiny grains add to the local mud. Some micrites may have originated when calcium carbonate precipitated as tiny grains in the water column and settled to the sea floor.

Pietra d'Istria


The Ponte di Rialto, was built primarily using Pietra d'Istria(Tolley). This is a white limestone that will not wear down from weather or erosion and does well resisting salt water, all of which are essential due to the location of the bridge (Pietra d'Istria). The surface of the rock is smooth and reflects light to naturally make the bridge a focal point on the Grand Canal (Tolley). The Istrian stone is to be classified as a micritic limestone or a mudstone, that is to say a rock formed through the diagenesis of a calcareous mud, composed of very fine grained calcite crystals; it is also compact, with very rare small pores (vugs and fenestrae). The texture frequently features iso-oriented veins, small nuclei and cavities filled with secondary sparitic calcite. Stylolites, as well as sedimentary joints, are sometimes very frequent, with small deposits of clay minerals often occurring along them, coloured by yellow-ochre. More rare are small clasts of detritic quartz and needles of sericite and chlorite, mainly stilocumulated. In this case joints and stylolites behave as surfaces with minor cohesion, major porosity and planes of preferential decay in the stone.




Italian



Lezione di Terra

Sedimentary Rocks

Il Ponte di Rialto fu costruito principalmente utilizzando Pietra d'Istria (Tolley). Questo è un calcare bianco - I calcari sono rocce sedimentarie chimiche.

Rocce sedimentarie


Le rocce sedimentarie (dal latino sedeo = sedersi, restare impresso) sono di norma le uniche rocce che possono contenere fossili: sono le rocce più diffuse sulla superficie terrestre e pertanto sono anche quelle su cui possiamo avere direttamente il maggior numero di informazioni. Derivano dalla degradazione chimica e fisica superficiale delle rocce preesistenti. Sono costituite da accumuli che presentano un aspetto stratificato e solitamente sono composte da veri e propri strati rocciosi. Altre invece presentano un aspetto massivo (ad es. il calcare) dove tale struttura è meno evidente. Ogni sedimento, attraverso la sua struttura, tessitura, modalità di formazione ed il suo contenuto in fossili, risulta essere una fonte preziosa di dati geologici. Pertanto lo studio delle delle rocce sedimentarie è indispensabile per affrontare l'argomento paleontologia.

Formazione dele Rocce sedimentarie


L'azione chimica delle acque e dei gas presenti nell'atmosfera, quella fisica della temperatura e dei movimenti della crosta stessa (migrazione dei continenti e formazione delle catene montuose), le eruzioni vulcaniche, i terremoti, le frane, ecc. sottopongono la litosfera ad un continuo fenomeno di smantellamento superficiale. Questo fenomeno viene chiamato dai geologi con il termine generico di erosione. Per effetto della forza di gravità la superficie terrestre in teoria tende alla peneplanarizzazione, cioè a diventare una superficie "piatta": una immensa, monotona e sconfinata pianura. Le dinamicità della litosfera compensa questo fenomeno con i suoi movimenti, creando catene montuose e rilievi che, già ancor prima di essere formati, iniziano ad essere sottoposti all'erosione. Il fenomeno dalla degradazione chimica e fisica superficiale delle rocce pre-esistenti è continuo e dura da che la terra si è formata ed è comparsa l'atmosfera e l'acqua (sulla Luna questo fenomeno non si verifica). Datazioni assolute hanno infatti permesso di valutare che le più antiche rocce di origine sedimentaria, contenenti resti fossili (batteri), risalgono a circa 3.5 miliardi di anni fa e sono racchiuse in rocce del periodo Precambriano ("Archeozoico") dell'Australia. I depositi sedimentari quindi seppelliscono anche gli organismi morti che, adagiatisi sul fondo di fiumi, laghi e mari, vengono inglobati e possono conservarsi sotto forma di fossili, oggetto di studio della paleontologia.


Tale degradazione porta alla formazione del detrito sedimentario (dal latino detritus = logoro). Esiste quindi una continua demolizione delle rocce (qualsiasi sia la loro origine) e una successiva creazione di altre (sedimentarie). A questo fenomeno si può attribuire un aspetto ciclico la cui genesi viene detta appunto ciclo delle rocce sedimentarie (da non confondere con il fenomeno deposizionale del ciclo sedimentario, che vedremo pio avanti!). Il ciclo delle rocce sedimentarie ha come protagonisti principali i fenomeni esogeni ed endogeni fisici di smatellamento superficiale della litosfera (erosione) e/o chimici (alterazione chimica), la forza di gravità, i mezzi di sedimetazione (acqua e vento) e vari processi chimici. Il fenomeno presenta le seguenti fasi: 1) Degradazione superficiale, che determinata dai seguenti fenomeni. - Alterazione: è una degradazione chimica; le acque e l'atmosfera (ossigeno) alterano la superficie delle rocce affioranti facilitandone i processi erosivi. - Dissoluzione: di origine chimica dovuta alle acque che disciolgono i minerali solubili delle rocce, gusci, scheletri e resti animali e vegetali. - Erosione: è la degradazione fisica (variazione di temperatura, rotolio dei ciottoli, frane, ecc.). Avremo: deflazione, se di origine eolica, corrosione se di origine marina ed esarazione se di origine glaciale. - Processi biologici: anche gli organismi che utilizzano minerali per accrescersi possono contribuire notevolmente ad intaccare le rocce superficiali. 2) Trasporto: il materiale degradato di norma viene trasportato anche molto lontano dal punto di origine ove risiede la roccia madre. Concorrono nel trasporto acqua, vento, ghiaccio e forza di gravità che vengono detti mezzi di sedimentazione. Il mezzo più comune è l'acqua ed i più cospicui e ricorrenti sono i sedimenti marini.

3) Deposito. Quando viene a mancare l'energia di trasporto, il materiale si deposita (effetto fisico) o precipitata (effetto chimico). Esiste pertanto nella deposizione fisica una selezione granulometrica che rispecchia l'ambiente di deposizione.In tal modo si formano dei veri e propri strati. Uno strato viene costituisce un singolo evento deposizionale e possiede uno spessore variabile (detto potenza) che dipende dalla quantità di materiale depositato. La velocità di sedimentazione è dovuta alla quantità di apporto di materiale nel tempo. Pertanto i sedimenti rispecchiano le caratteristiche tipiche degli ambienti in cui sono stati depositati e quindi possiedono una facies (dal latino facies = faccia, aspetto) che li caratterizza. 4) Compattazione e consolidamento. Spesso le rocce sedimentarie risultano incoerenti (come ad es. la sabbia che, se pur composta da granuli di vari minerali, viene però considerata una roccia). Altrimenti, con il passare dei milioni di anni, si verifica un consolidamento che porta alla formazione di una roccia vera e propria attraverso un fenomeno di litificazione (dal greco lithon = sasso). Questo processo, che a volte può cambiare sostanzialmente l'aspetto iniziale del sedimento, è detto diagenesi. Il fenomeno si verifica allorquando i depositi sedimentari si sono accumulati, raggiungendo a volte addirittura spessori chilometrici: la pressione degli starti sovrastanti, l'incremento della temperatura dovuta all'attrito delle particelle che compongono i sedimenti unitamente al l'azione chimica dovuta all'interazione tra le sostanze presenti, concorrono in questo fenomeno. La diagenesi può quindi trasformare le rocce incoerenti prodotte dall'erosione (ad esempio la sabbia) in rocce coerenti (la sabbia diventa arenaria). Anche le rocce di origine chimica, come il calcare, possono subire questa trasformazione. Pertanto, con il passare di migliaia, o milioni di anni, i sedimenti originali possono essere trasformati in rocce che compatte totalmente diverse da quelle originali. In certi casi la diagenesi risulta talmente spinta da causare un vero e prorio metamorfismo che trasforma la roccia in un'altra completamente diversa da quella d'origine distruggendo anche tutti i fossili in essa presenti.

Tipi di Rocce sedimentarie


Rocce sedimentarie sono di tre tipi base. Questi includono rocce sedimentarie clastiche, chimiche e organiche.
  1. Clastico Rocce sedimentarie
  2. Rocce sedimentarie chimiche
  3. Rocce sedimentarie organiche


Calcare


Calcare – pietra naturale, che è un'origine organica o organo-chimico sedimenti morbido, composto principalmente da carbonato di calcio (calcite). Spesso comprende particelle di impurità quarzo, fosfati, silice, argilla e sabbia e residui calcarei scheletri microrganismi. In questo articolo, parleremo di questo materiale naturale, i suoi tipi, proprietà e campo di applicazione, così come scoprire che cosa è la formula chimica del calcare, e molti altri.
Per iniziare, diamo un'occhiata a come si sono formati questi minerali. Calcare si forma principalmente in un bacino marino superficiale, anche se c'è anche acqua dolce. Si presenta sotto forma di depositi e strati. A volte precipita, come il gesso e il sale di evaporare lagune di acqua di mare e laghi. Tuttavia, la maggior parte di esso è depositato nei mari che non hanno subito un essiccamento intensiva. La formazione di calcare più è iniziato con la separazione degli organismi viventi da acqua di mare per costruire gusci e scheletri di carbonato di calcio. L'esempio più lampante del reperimento e l'accumulo di carbonato di calcio sono barriere coralline. Così, in alcuni casi, su un calcare pausa singoli gusci può essere visto. Sotto l'influenza delle correnti marine e per l'impatto della rottura onde e surf reef. E sul fondo del mare per accumulare detriti calcare carbonato di calcio, che precipita dall'acqua satura loro. Anche nella formazione dei giovani coinvolti rocce calcaree di calcio, che proviene dalle rocce antiche distrutte.


Micrite


Molti calcari sono così fini che non puoi vedere grani singoli. Se sei fortunato, potresti trovare fossili o detriti fossili. La maggior parte dei micriti marini ha iniziato come fango di carbonato morbido sul fondo del mare. Il fango carbonatico è molto simile al fango normale, tranne per il fatto che è (almeno nelle Bahamas) di colore quasi bianco. Nelle Bahamas puoi giocare nel fango e uscire pulito! Si pensa che le particelle di fango originino con alghe coralline. Le alghe coralline sono piccoli organismi verdi simili a piante croccanti che utilizzano microscopici granuli di carbonato di calcio per dare un po 'di sostegno ai loro tessuti. Quando queste piante muoiono, i tessuti marciscono e i piccoli granuli si aggiungono al fango locale. Alcuni micriti possono essersi originati quando il carbonato di calcio precipitò sotto forma di piccoli granuli nella colonna d'acqua e si depositò sul fondo marino.

Pietra d'Istria


Il Ponte di Rialto fu costruito principalmente utilizzando Pietra d'Istria (Tolley). Si tratta di un calcare bianco che non si deteriora dalle intemperie o dall'erosione e resiste bene all'acqua salata, tutti elementi essenziali a causa della posizione del ponte (Pietra d'Istria). La pietra d'Istria è una roccia compatta calcarea microcristallina con bassa porosità, proveniente appunto dalla penisola istriana. Appena estratta dalla cava appare candida (con sfumature variabili dal rosa al verde chiaro), ma con l'esposizione agli agenti atmosferici tende ad assumere un colore grigio pallido. È caratterizzata da alta densità e bassa porosità (simile ad quella di un porfido), alta resistenza alla compressione (1350 kg/cm2) e alta velocità di trasmissione del suono. Nonostante la sua elevata resistenza alla corrosione salina, questo calcare è soggetto a fenomeni di alterazione in seguito a solfatazione, processo comune a molte rocce a composizione carbonatica esposte all'anidride solforosa presente nell'aria inquinata. Viene estratta principalmente nelle cave di Montauro nella regione di Rovigno, da cui sono stati estratti 700.000 m3 di pietra. Altre aree di estrazione sono nei pressi delle città di Parenzo e Pola. La pietra d'Istria è strettamente legata all'urbanizzazione della città di Venezia. La sua importazione, specialmente dalla cava di Orsera, inizia con l'annessione alla Repubblica di Venezia delle città istriane nel 1267-1335. I veneziani l'hanno utilizzata ampiamente nelle strutture e rivestimenti di pavimenti, ponti, canali, case, chiese, palazzi, fino alla fine del XVIII secolo. In scultura, la pietra d'Istria è stata utilizzata in particolare durante il periodo gotico al posto delle molte opere in marmo di periodo veneto-bizantino. Tuttavia, solo all'inizio del XIV secolo si è scolpito in pietra d'Istria un leone alato, simbolo della potenza veneziana. La scoperta di una vera di pozzo a Calcide mostra come la pietra d'Istria lavorata dagli scalpellini veneziani fosse esportata sin nel Levante. La pietra d'Istria è la pietra principale storicamente usata nelle costruzioni di prestigio della città di Ancona; è sostituita negli altri casi con il calcare del Monte Conero, che la ricorda nel colore..





Logging This Earthcache
EN

1. What is the type of the limestone used to build the Rialto Bridge ?
2. Virtual Stage 1 coordinates will take you to the statue of The Virgin Mary(near the boat parking :) ). On her both sides you will see a rectangular blocks. How big are they ( approximately in cm/m ). ?
3. What was the reason of using Pietra d'Istria ?
4. Optional, a photo of you and/or your GPSr that was taken at the posted co-ordinates would be appreciated..

ANSWERS should be sent in PRIOR to logging your find. Once sent, go ahead and log your find. I will contact you if there's any problem.



IT

1. Qual è il tipo di calcare utilizzato per costruire il ponte di Rialto ?
2. Le coordinate Virtual Stage 1 ti porteranno alla statua di The Virgin Mary. Su entrambi i lati vedrai blocchi rettangolari. Descrivili: Quanto sono grandi (approssimativamente in cm / m). ?
3. Qual è stato il motivo dell'utilizzo di Pietra d'Istria ?
4. Opzionale, una foto di te e/o il tuo GPSr quello che è stato preso alle coordinate pubblicate sarebbe apprezzato.

ANSWERS should be sent in PRIOR to logging your find. Once sent, go ahead and log your find. I will contact you if there's any problem.


E-Mail Address: Send Email

Happy Earthcaching!






Flag Counter

Additional Hints (No hints available.)



Reviewer notes

Use this space to describe your geocache location, container, and how it's hidden to your reviewer. If you've made changes, tell the reviewer what changes you made. The more they know, the easier it is for them to publish your geocache. This note will not be visible to the public when your geocache is published.