Skip to Content

<

Una passeggiata tra le Alpi Lombarde

A cache by ilTozzo Send Message to Owner Message this owner
Hidden : 4/28/2014
Difficulty:
2.5 out of 5
Terrain:
1 out of 5

Size: Size: other (other)

Join now to view geocache location details. It's free!

Watch

How Geocaching Works

Please note Use of geocaching.com services is subject to the terms and conditions in our disclaimer.

Geocache Description:


[ITALIANO]

 Di fianco al nuovo Palazzo Lombardia è stata costruita una piccola piazza che rende omaggio ai paesaggi tipici della nostra Regione. Così, mentre le aiuole e le fontane richiamano le pianure e i laghi, come simbolo delle Alpi Lombarde sono stati posizionati nove blocchi di diversi tipi di roccia, tagliati e levigati perché se ne possano ammirare le caratteristiche e la varietà.
 Le nove rocce, insieme, formano una sorta di “passeggiata geologica”, per permettere a tutti di ammirare (e toccare con mano!) le montagne della Lombardia senza muoversi dal suo capoluogo.
 L’architetto Andrea Forges Davanzati ha scelto personalmente i blocchi, studiando le caratteristiche geologiche delle rocce e decidendone le misure, il taglio, la posizione e l’orientamento. Inoltre, lo stesso architetto ha curato l’illuminazione con lo scopo di evidenziare i tratti caratteristici di ciascuna pietra.
 Le coordinate iniziali vi porteranno di fronte alla roccia numero uno, poi, muovendovi verso sud-ovest, potrete incontrare tutte le altre.
Le pietre che potrete incontrare sono:



Marmo di Botticino (1)
 Il marmo è una roccia metamorfica composta prevalentemente da carbonato di calcio.  La sua formazione è avvenuta attraverso un processo metamorfico che ha agito sui fanghi calcarei sedimentari presenti nella zona, sottoponendoli a temperatura e pressione molto alte per lungo tempo, le quali hanno ricristallizzato gli elementi chimici del calcare in una struttura a mosaico. Questi, unitamente a microrganismi fossilizzati, hanno dato origine alla particolare varietà cromatica di questa roccia. Questa pietra è considerata un marmo pregiato, sia per la sua bellezza, data dal colore beige e dalle venature, sia per l’altissima resistenza alla compressione e all’usura, dovuta all’estrema compattezza e alla bassissima porosità della pietra. Le principali cave di estrazione di questo marmo si trovano a Botticino e in altre città in provincia di Brescia.
Domanda: provate a indovinare l'altezza di questo blocco di marmo.



Serpentino della Valmalenco (2)
 Il serpentino è una roccia metamorfica originata da un processo di serpentinizzazione nel quale le rocce ultrafemiche intrusive (peridotiti) presenti nella zona hanno subito riscaldamento e idratazione a basse temperature. Questa pietra è composta per la maggior parte da antigorite, da cui derivano il suo colore verde scuro e la sua tipica struttura scistosa, cioè composta dall’affiancamento di piani paralleli di roccia. Inoltre, possono presentarsi lievi venature di colore verde più chiaro o grigio-nero, dovute a concentrazioni più alte di minerali come l’olivina o la magnetite. Per il suo colore e la sua lucidità, questa pietra è spesso utilizzata nella costruzione di edifici, di elementi architettonici o di oggetti. Le principali cave di estrazione si trovano in Valmalenco, in provincia di Sondrio.
Domanda: il taglio, al tatto, è molto simile a quello di un'altra roccia, così come le venature; inoltre, con questa roccia il serpentino ha in comune molte proprietà come la durezza e l'impermeabilità, tanto che può prendere il nome di _____ verde. Di che roccia si tratta?



Serizzo della Val Masino (3)
 Il serizzo è una roccia metamorfica gneissica originatasi in profondità nella crosta terrestre da un processo metamorfico causato dalla subduzione tra due placche tettoniche che ha agito su sedimenti sabbiosi e argillosi, compattandoli grazie all’aumento di temperatura e pressione. Questa pietra è composta soprattutto da quarzo, feldspato bianco e biotite scura, che le donano il caratteristico colore grigio scuro; una percentuale di muscovite, inoltre, la rende lucida e scintillante. La biotite, essendo un minerale lamellare, è la causa della scistosità di questa roccia, cioè la strutturazione secondo piani paralleli affiancati e la capacità di sfaldarsi lungo gli stessi. Questa pietra è molto resistente all’usura e alle basse temperature, perciò è spesso utilizzata nella costruzione di elementi architettonici esterni. L’estrazione di questa pietra avviene nelle cave della Val Masino, in provincia di Sondrio.
Domanda: se osservate bene la roccia, potrete vedere i piani di scistosità: sono paralleli o perpendicolari ai piani di taglio?



Granito di San Fedelino (4)
 Il granito è roccia magmatica intrusiva che si è originata all’interno della crosta terrestre a causa del raffreddamento del magma che, solidificandosi, ha cristallizzato i minerali presenti formando una pasta omogenea. Questa pietra ha una struttura granulare composta soprattutto da cristalli di feldspato e di quarzo, che gli dona la caratteristica brillantezza; inoltre, sono presenti due diverse miche: biotite e muscovite, da cui deriva il tipico colore bianco-grigio. Questa roccia è molto dura e resistente, perciò, anche se di difficile lavorazione, è utilizzata spesso come materiale da costruzione per elementi architettonici esterni o per l’arredo urbano. Inoltre, è la pietra di riferimento per la misurazione della resistenza all’attrito radente. Questa pietra è estratta nelle cave di Novate Mezzola, in provincia di Sondrio, e il suo nome deriva da un piccolo tempietto dedicato a San Fedelino, presente nella zona fin dall’anno 1000.
Domanda: questa roccia ha una grana fine o grossa?


Dorato della Valmalenco (5)
 Il dorato è una roccia metamorfica gneissica originatasi attraverso un processo metamorfico di compattazione dei protoliti presenti nelle profondità della crosta terrestre, reso possibile dall’aumento di temperatura e pressione causato dalla subduzione tra due placche tettoniche. Questa pietra ha una struttura scistosa, cioè composta dall’affiancamento di piani paralleli, dovuta all’alta presenza di clorite e mica chiara che sono minerali lamellari. I singoli piani sono composti anche da minerali granulari come quarzo e feldspato, che donano alla pietra il tipico colore grigio chiaro, mentre lungo i piani di scistosità possono esserci riflessi color marrone chiaro dorato, da cui nasce il nome di questa roccia. Questa pietra è molto resistente all’usura e agli agenti atmosferici, perciò è spesso utilizzata per l’arredo urbano o per elementi architettonici interni. Le cave di estrazione si trovano in Valmalenco, in provincia di Sondrio.
Domanda: su quale lato di questo blocco di dorato si può notare la stratificazione tipica degli gneiss (considerando il lato della foto come quello frontale)? 



Granito verde dello Spluga (6)
 Questo granito, nonostante il suo nome, è una roccia metamorfica gneissica che si è originata durante la subduzione tra due placche tettoniche che ha compattato le formazioni rocciose presenti nella zona attraverso l’aumento di temperatura e pressione. Questa roccia è composta soprattutto da quarzo bianco e feldspato a grana media, insieme a una percentuale di fengite, un minerale lamellare che è la causa della sua struttura scistosa, cioè composta da piani paralleli affiancati, lungo i quali la roccia si può sfaldare. La fengite, inoltre, dà alla pietra il suo colore verde chiaro caratteristico, mentre il quarzo bianco le dà luminosità. Questa roccia ha delle ottime caratteristiche tecniche ed è molto dura e resistente (da cui il nome granito); inoltre il suo colore e le venature la rendono bella dal punto di vista estetico. Per questo motivo è utilizzata nella costruzione di elementi architettonici sia interni sia esterni. Le cave di estrazione di questa pietra si trovano in Valle Spluga, in provincia di Sondrio.
Domanda: che differenza potete osservare tra la struttura di uno gneiss e quella di un granito vero e proprio?



Ceppo di Poltragno (7)
 Il ceppo è una roccia sedimentaria clastica, con una base composta da materiale calcareo (circa il 25-35%) che cementifica frammenti di altre rocce che sono stati trasportati, erosi e accumulati dall’azione di un ghiacciaio. Tra i sedimenti si trovano soprattutto frammenti angolosi di dolomia grigia, insieme a calcare nero, porfirite e arenaria rossa. La sedimentazione è uniforme nella qualità e nella dimensione dei frammenti, tuttavia possonono trovarsene alcuni di dimensioni più grandi della media; inoltre possono essere presenti alcuni buchi dovuti sia alla penetrazione non totale del materiale calcareo, sia alla dissoluzione dei frammenti più friabili. Ciò classifica questa roccia come ceppo “rustico”, la varietà meno compatta e più porosa. Tuttavia, questa pietra ha delle buone proprietà tecniche ed è di facile lavorabilità, caratteristiche che la rendono adatta all’uso in ambito architettonico, soprattutto all’esterno. La cava di estrazione di questa pietra si trova a Poltragno, in provincia di Bergamo.
Domanda: secondo voi, il ceppo è resistente all'acqua? Perché?



Porfido viola della Valcamonica (8)
 Il porfido è una roccia magmatica effusiva composta da grani grossi di quarzo e feldspato immersi in una pasta silicea più fine. Si è originata dal raffreddamento del magma, che si è solidificato in due fasi. La prima fase, più lenta, è avvenuta all’interno della crosta terrestre e ha dato origine ai grani di cristalli grossi. La seconda fase è avvenuta più rapidamente durante l’eruzione del magma e ha originato la pasta più fine, che ha cementato i grani grossi in un unico composto. Il colore tipico di questa pietra è dovuto all’alta percentuale di quarzo. A causa della sua resistenza alle temperature e della sua scabrosità, questa roccia è spesso utilizzata per elementi architettonici esterni. Tuttavia, il suo colore lo rende adatto anche alla realizzazione di elementi architettonici interni o oggetti d'arte. Questa pietra viene estratta in Valcamonica, in provincia di Brescia.
Domanda: come potete vedere, la roccia è sempre immersa nell'acqua, poiché è molto resistente; proprio a causa della sua resistenza, qual è uno dei più noti utilizzi del porfido?



Tonalite dell’Adamello (9)
 La tonalite è una roccia magmatica intrusiva originatasi dalla lenta solidificazione del magma all’interno della crosta terrestre, che ha permesso una cristallizzazione omogenea dei minerali presenti. Questa pietra ha una struttura granulare composta da una pasta silicea chiara che cementa cristalli lucenti di quarzo, feldspato (plagioclasio) e, in misura minore, biotite. I cristalli sono abbastanza grossi da essere visibili a occhio nudo, dando alla pietra la caratteristica trama punteggiata bianca e nera, mentre essa appare di colore grigio chiaro se vista da lontano. Come tutte le rocce di questo tipo, anche questa è molto dura e resiste facilmente alle temperature, all’usura e all’acidità; per questo motivo è molto adatta per la costruzione di edifici, ma è spesso usata anche per elementi architettonici interni o esterni. La cava di estrazione di questa pietra si trova sul massiccio dell’Adamello, tra le città di Brescia e di Trento.
Domanda: questa roccia ha una grana fine o grossa?



Per validare il vostro log:
-Postate una o più foto che vi ritraggano insieme a una delle rocce (facoltativo, ma ben accetto).
-Inviatemi una mail o un messaggio privato con le risposte alle domande che avete trovato nel listing, una per ogni roccia. 
Per favore inviatemi le risposte alle domande prima di loggare online.

[ENGLISH] 
A walk along Lombard Alps

 Close to the new Palazzo Lombardia has been built a small square as a tribute to the typical landscapes of the Region. While gardens and fountains represent plains and lakes, as symbol of Alps have been posed nine blocks of different stones, cut and smoothed, so that it’s possible to admire their characteristics and their variety.
 The nine rocks, together, are a sort of “geological trail”, which allows everyone to admire (and touch!) the mountains of Lombardy without moving from its Capital City.
 Architect Andrea Forges Davanzati chose every block of stone in person, studied their geological characteristics and decided their measures, their cuts and their positions. The architect also designed the illumination with the purpose of pointing out the specific traits of every stone.
 The initial coordinates will bring you in front of the stone number one, then, walking in south-west direction, you’ll find all the other stones.
You’ll find these stones:



Marble from Botticino (1)
 Marble is a metamorphic rock, mostly composed of carbonate minerals. It has formed in a metamorphic process which acted on sedimentary limestone mud, exposing it to high temperature and high pressure for a long time. This process recrystallized the original chemical elements in a mosaic-shaped structure. Limestone, together with fossilized microorganisms, originated the particular beige color of this stone. This stone is considered a fine variety of marble, both because of its beauty (due to its color and its veins) and its strength, caused by the hardness and the lack of porosity of the stone. This marble is mainly extracted in Botticino and other towns near the city of Brescia.
Question: try to guess the height of this block of marble.



Serpentine from Valmalenco (2)
 Serpentine is a metamorphic rock formed in a process of serpentinization, which acted on intrusive ultramafic rocks (peridotites), heating and hydrating them at low-temperature. This rock is mainly composed of antigorite, which causes its dark green color and its typical schistose structure, composed of juxtaposed parallel planes of rock. Small veins could also be present, usually light green or gray-blackish, due to a higher concentration of olivine or magnetite. Because of its beautiful color and its lucidity, this rock is often used in construction of buildings, architectonical elements and objects. The main area where this stone is extracted is Valmalenco, near the city of Sondrio.
Question: to the touch, the cut part of this rock is very similar to another one, and so do its veins; serpentine shares also some properties like hardness and impermeability with that rock, so much that it can be called green _____. Which rock is that?



Serizzo from Val Masino (3)
 Serizzo is a metamorphic gneiss rock which originated deep inside the Earth crust in a metamorphic process caused by subduction between tectonic plates, which acted on sand and clay sediments and compacted them thanks to the increase of temperature and pressure. This stone is composed of quartz, white feldspar and dark biotite, which gives it its typical dark gray color; a part of muscovite makes it also shiny and bright. Biotite, because of its lamellar structure, causes the typical schistose structure of this rock, composed of juxtaposed parallel planes, and its capacity of being exfoliated along them. This stone is very resistant to low temperature and to deterioration, thus is often used in the building of exterior architectonical elements. The extraction caves of this stone are in Val Masino, near the city of Sondrio.
Question: if you look close, you can see the schistosity planes of this rock: are they parallel or perpendicular to the cut planes?



San Fedelino Granite (4)
 Granite is an igneous intrusive rock originated inside the Earth crust due to the cooling of magma which, during its solidification, crystallized minerals in a homogeneous groundmass. This stone has a granular structure, mostly composed of crystals of feldspar and quartz, which gives it its typical brightness; there are also two different micas: biotite and muscovite, from which derives its characteristic white-gray color. This rock, although its difficult workability, is very hard and resistant, thus it’s often used in construction of exterior architectonical elements or street furniture. Also, this is the reference stone for measurement of sliding friction. This stone is extracted in caves in Novate Mezzola, near the city of Sondrio, and its name derives from a small temple dedicated to Saint Fedelino, which is in the area since the year 1000.
Question: is the grain size of this rock small or large?



Golden from Valmalenco (5)
 Golden is a metamorphic gneiss rock which originated in a process which compacted protoliths deep inside the Earth crust, caused by the increase of temperature and pressure due to subduction between tectonic plates. This stone has a schistose structure, composed of juxtaposed parallel planes, because of the high presence of chlorite and white mica, which are lamellar minerals. Planes are also composed of granular minerals like quartz and feldspar, which give the stone its typical light gray color. Along schistosity planes there could be light golden brown reflexes, which this rock was named after. This stone is very resistant to deterioration and weathering, thus is often used for street furniture or interior architectonical elements. The main extraction caves are in Valmalenco, near the city of Sondrio.
Question: on which side of this block of golden can you see the typical stratification of gneiss rocks (assuming the one in the image is the front size)?



Green granite from Spluga (6)
 Despite its name, this granite is a metamorphic gneiss rock originated during the subduction between two tectonic plates, which compacted the rock formations in the area with the increase of pressure and temperature. This rock is mostly composed of white quartz and feldspar in medium grain, together with a part of phengite, a lamellar mineral which is the cause of its schistose structure, composed of juxtaposed parallel planes, along which the rock can be exfoliated. Phengite gives also the stone its typical light green color and white quartz gives it brightness. This rock has very good technical properties and it’s very hard and resistant (from which derives its name); its color and its vein make it also aesthetically beautiful. Because of this, this stone is often used in the construction of architectonical elements, both interior and exterior. The main extraction caves of this rock are in Valle Spluga, near the city of Sondrio.
Question: what difference can you observe between the structure of a gneiss rock and the one of a real granite?


Ceppo from Poltragno (7)
 Ceppo is a sedimentary clastic rock, composed of a limestone groundmass (around 25-35%) which has cemented fragments of other stones together after they had been carried, eroded and accumulated by the action of a glacier. Sediments are mostly sharp fragments of gray dolomite, together with black limestone, porphyrite and red sandstone. Both quality of sedimentation and dimension of fragments are uniform, but some of these could be bigger than the others; there could also be some holes, caused both by the non-complete penetration of the groundmass and the dissolution of the more friable fragments. This leads this rock to be classified as a "coarse" ceppo, the least compact and most porous kind. Anyway, this stone has good technical properties and it’s very workable, so it’s often used in architectonical works, especially outside. The main extraction cave is in Poltragno, near the city of Bergamo.
Question: in your opinion, is ceppo resistant to water? Why?



Purple porphyry from Valcamonica (8)
 Porphyry is an igneous extrusive rock composed of large-grained crystals of quartz and feldspar dispersed in a fine-grained siliceous groundmass. This rock originated from the cooling of magma, which had solidified in two different phases. The first and slower one happened inside the Earth crust and originated the large-grained crystals. The second one happened faster during the eruption of magma, and made the groundmass solidify, cementing the other crystals together in a single compound. The typical purple color of this stone is caused by the high percentage of quartz. Because of its resistance to high and low temperature and its roughness, this stone is often used in exterior architectonical elements, but its color makes it also suitable for interior architectonical elements or pieces of art. The main extraction caves are in Valcamonica, near the city of Brescia.
Question: as you can see, the rock is steadily immersed in water, because it's very resistant. Because of its high resistance, what is porphyry often used for?



Tonalite from Adamello (9)
 Tonalite is an igneous intrusive rock, originated from a slow solidification of magma inside the Earth crust, which caused a homogeneous crystallization of minerals. This stone has a granular structure, composed of a light siliceous groundmass which cements bright crystals of quartz, feldspar (plagioclase) and, in lower proportion, biotite. Crystals are big enough to be seen with a naked eye, giving the stone its typical black and white pattern, while it appears gray if seen from the distance. Like every rock of this category, also this one is very hard and easily resistant to temperatures, deterioration and acidity; because of this, this rock is suitable for the construction of buildings, but is also used for architectonical elements, both interior and exterior. The extraction cave of this stone is on the Adamello massif, between the cities of Brescia and Trento.
Question: is the grain size of this rock small or large?



To validate you log:
-Post one or more pictures showing you with one of the rocks (optional but very welcome).
-Send me an email or a private message with the answers to the questions you found in the listing, one for each rock. 
Please, send me your answers before logging online.

Additional Hints (No hints available.)



 

Find...

  • MAPPA - MAPPotete usare questa mappa per orientarvi - You can use this map to orient

204 Logged Visits

Found it 200     Didn't find it 1     Write note 2     Publish Listing 1     

View Logbook | View the Image Gallery of 177 images

**Warning! Spoilers may be included in the descriptions or links.

Current Time:
Last Updated:
Rendered From:Unknown
Coordinates are in the WGS84 datum

Return to the Top of the Page

Reviewer notes

Use this space to describe your geocache location, container, and how it's hidden to your reviewer. If you've made changes, tell the reviewer what changes you made. The more they know, the easier it is for them to publish your geocache. This note will not be visible to the public when your geocache is published.